Milano sepolta

Perché andare a vedere Milano sepolta

Sono stata a vedere Milano Sepolta. Dieci anni di archeologia urbana a Milano, la mostra fotografica inaugurata il 1° marzo al Civico Museo Archeologico di Milano sugli scavi d’emergenza svolti nel capoluogo lombardo dal 2005 al 2015, visitabile fino al prossimo 13 maggio.

Ne ho scritto anche su Archeostorie.

Raccontare l’archeologia preventiva attraverso le fotografie degli stessi archeologi: questo è Milano Sepolta, la mostra allestita al Museo Archeologico di Milano fino al 13 maggio

Leggi l’articolo su Archeostorie: Milano sepolta. Cosa c’è da sapere sulla mostra che porta i cittadini nei cantieri

Vi scrivo anche qui, in breve, perché secondo me è da vedere.

1.  Porta i milanesi in cantiere

Pietro Mecozzi e Ilaria Frontori, i due archeologi curatori della mostra, hanno come obiettivo quello di coinvolgere i cittadini, di far vedere come lavora l’archeologo, cosa fa, cosa scopre attraverso le immagini scattate dagli stessi archeologi. I cantieri fotografati sono diversi: Sant’Eustorgio, Santo Stefano, Calatafimi, via Sforza (Policlinico), via Necchi, via Gorani, via Santa Maria alla Porta.

2. Spiega ai cittadini che gli archeologi non bloccano solo il traffico

Si tratta di un cambio di prospettiva molto importante e interessante. Pietro e Ilaria fanno in pratica la stessa cosa che fa l’Inrap in Francia: chi scava nei cantieri di archeologia preventiva francesi, spesso organizza esposizioni, mostre, eventi per coinvolgere i cittadini. Spiegando il proprio lavoro e le proprie scoperte, gli archeologi d’oltralpe cercano di dare consapevolezza alla cittadinanza, che in questo modo, lungi dall’essere infastidita per il blocco del traffico dato dal cantiere, è anche più attenta alla tutela e valorizzazione dei propri beni culturali.

3. Le foto sono belle

Ultimo punto, ma non meno importante: le foto sono davvero belle. Anche se la mostra ha qualche piccola pecca – per questione di spazio, i curatori hanno dovuto ridurre il numero di foto esposte, privilegiando i reperti rispetto ai contesti di scavo – merita assolutamente una visita.

La mostra si può seguire anche sui social, tramite Facebook e Instagram.
L’hashtag di riferimento è #milanosepolta.

Milano sepolta. Dieci anni di archeologia urbana a Milano
Civico Museo Archeologico di Milano

2 marzo – 13 maggio
Orari: da martedì a domenica, dalle 9.00 alle 17.30
Costo del biglietto: 5,00 euro

 

No Comments

Leave a Comment